Street Food and Food Track… passione sulle ruote!

Street Food and Food Track… passione sulle ruote!

Street Food and Food Track… passione sulle ruote!

Street Food and Food Track… passione sulle ruote!

Come avviene già da diversi anni in America, ora anche in Italia è possibile allestire un ristorante su quattro ruote: è il food truck, nome con cui vengono chiamati i furgoni/ristoranti itineranti, debitamente adattati per cucinare al suo interno e servire piatti caldi o freddi in giro per l’Italia.

Il cibo da strada, secondo la definizione della FAO, è costituito da quegli alimenti, incluse le bevande, già pronti per il consumo, che sono venduti (e spesso anche preparati) soprattutto in strada o in altri luoghi pubblici (come mercatini o fiere), anche da commercianti ambulanti, spesso su un banchetto provvisorio, ma anche da furgoni o carretti ambulanti . Nei centri storici di alcune città italiane si è diffusa una tipologia di piccoli locali specializzati nella preparazione e vendita di cibi da mangiare in strada.

Il consumo di cibo per strada consente, in genere, di mangiare in maniera più informale, più rapida, e meno costosa rispetto al consumo di cibo in un ristorante o in altro luogo deputato allo scopo; per tale motivo, questa forma di alimentazione viene spesso preferita rispetto a modalità più formali di consumo, tanto da fargli occupare un posto importante nell’alimentazione umana: stime della FAO indicano in ben 2,5 miliardi di persone al giorno il numero di coloro i quali si alimentano in questo modo.

Il cibo di strada è strettamente legato al fenomeno del cibo da asporto (take away/take-out), e ad altri fenomeni di consumo informale di cibo, come gli snack, gli spuntini, il fast food, il pranzo al sacco o il finger food.

Caratteristiche peculiari

  1. Rispetto storia e tradizioni – per una garanzia di tracciabilità e appartenenza storica del cibo di strada e suoi ingredienti e l’esecuzione tradizionale della ricetta del cibo di strada
  2. Utilizzo strumenti artigianali – originali o rivisitati per la preparazione, cottura e somministrazione del prodotto (padelle, testi in terracotta, refrattaria, metallo, teglie, etc.)
  3. Rispetto dell’ambiente – sia durante il processo di produzione, somministrazione e consumo sia nella gestione dei locali (mantenimento della pulizia dentro e fuori il locale, smaltimento di oli, scarti organici e inorganici usufruendo di servizio smaltimento rifiuti differenziato);
  4. Promozione del territorio di appartenenza – in virtù del fatto che solo i cibi di strada possono e devono essere consumati in loco per non modificare le caratteristiche tradizionali del loro consumo (temperatura, friabilità, morbidezza e genuinità) e promuovere in tal modo anche aree subalterne come zone montane difficilmente frequentabili e raggiungibili).

Aspetti economici, antropologici e culturali

L’ampiezza del fenomeno alimentare, messa in risalto dalle statistiche FAO, si collega ad altri aspetti antropologici, come il rilevante ruolo occupato nell’economia umana, ma anche la messa in gioco di importanti valori culturali, identitari ed etnici. Spesso, infatti, i prodotti da consumare per strada sono specialità locali o regionali, come nel caso del pani ca meusa palermitano, il ‘O pere e ‘o musso della cucina campana e napoletana, o il kalakukko della Regione dei laghi finlandese.

In altri casi, invece, i prodotti non hanno un particolare legame culturale con il territorio in cui vengono offerti, o, pur avendone posseduto uno in passato, non lo conservano più, perché andato oramai perduto a seguito della loro diffusione al di fuori delle zone di origine (come è il caso della pizza e del kebab). In alcuni casi, tuttavia, la diffusione al di fuori dei confini culturali originari, anche ampia, non ne ha cancellato la connotazione etnica e identitaria.

Sicurezza alimentare

Uno degli aspetti è quello della sicurezza e della qualità nutrizionale delle preparazioni. L’Organizzazione mondiale della sanità ha individuato tre punti critici qualificanti:

  1. I processi di preparazione devono essere adeguati a eliminare i rischi alimentari o a ridurli a livelli considerati accettabili.
  2. Le modalità di preparazione dovrebbero prevenire la proliferazione di patogeni, lo sviluppo di tossine, e da non comportare rischi sul lavoro
  3. Le modalità di preparazione e confezionamento dovrebbero garantire che i cibi non siano suscettibili di contaminazioni successive

Rispetto delle normative vigenti

Il primo passo da compiere è richiedere un’autorizzazione amministrativa per l’esercizio del commercio su aree pubbliche. Quella necessaria per intraprendere un’attività di food truck è l’autorizzazione tipo B (commercio ambulante in forma itinerante) che viene rilasciata dal Comune di residenza. Per ottenerla occorre possedere almeno uno dei seguenti requisiti:

  1. Avere frequentato con esito positivo un corso del settore alimentare o per la somministrazione di alimenti e bevande, riconosciuto dalle Regioni o dalla Provincie.
  2. Essere in possesso di qualsivoglia altro requisito abilitante alla professione ( vedi normativa nazionale di riferimento).
  3. Andrà poi richiesta, di volta in volta, nei diversi Comuni interessati, l’autorizzazione per partecipare alle fiere, alle manifestazioni gastronomiche o alle altre iniziative.

Normativa per i mezzi mobili

Per “mezzo mobile” si intende un veicolo immatricolato secondo il codice della strada come veicolo speciale uso negozio e deve rispondere ai requisiti igienico-sanitari indicati dal Ministero della Sanità.

Street Food and Food Track… passione sulle ruote! ultima modifica: 2016-01-29T12:48:26+00:00 da Marco Criaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.