Saperne di più sul corso SAB online

Saperne di più sul corso SAB online

Saperne di più sul corso SAB online

Referenze Assiform

Consulenti ed Enti di Formazione entrati nell’orbita della Community, nonché i numerosi corsisti distribuiti su tutto il territorio nazionale sono estimatori dello Staff Assiform.

I Corsisti dicono…

Simona De Mita

Il corso sab online intende darvi un’idea di quelle che sono le normative necessarie a orientarsi nel mondo della somministrazione alimenti e bevande e durante l’esame, sarà importante non tanto conoscere le norme a memoria quanto sapere che tipo di norme esistono e cosa riguardano. Sono soddisfatta.

Patamia Serafina

Posso confermare ke dopo l’esperienza avuta tramite piattaforma online ho eseguito l’esame molto tranquillamente grazie alla collaborazione e la gentilezza del presidente e dei prof.

Lucia Palamara

Mi sono trovata benissimo….

Potete leggere ulteriori opinioni nei commenti a fondo pagina.

Diffidate di chi chiede oneri “accessori” o promette riduzioni delle tempistiche!

La partecipazione agli esami finali non comporta alcun tipo di onere in denaro. Il Settore 8 Formazione Professionale, della Provincia di Reggio Calabria, non prevede che si debba fare alcun tipo di versamento.
Il rilascio di certificazione sostitutiva, comprovante l’avvenuto superamento dell’esame finale, quanto la consegna del successivo attestato, viene effettuata a titolo gratuito.
Bisogna diffidare di chi, arbitrariamente e improriamente, pretende somme di denaro non spettanti e non richieste dagli Organi Istituzionali competenti.
Questi, ed altri escamotage, come, per esempio, la riduzione delle tempistiche per lo svolgimento dell’esame finale, sono appannaggio di Istituti poco seri e per nulla trasparenti.

Informazioni sul corso di Somministrazione Alimenti e Bevande (corso SAB online)

Destinatari del corso SAB online

Tutti coloro che intendono avviare un’attività commerciale nel settore della somministrazione di alimenti e bevande (bar, ristoranti, pizzerie, etc.) o nel settore alimentare (ingrosso-dettaglio) (macelleria, generi alimentari, enoteca, erboristeria, alimenti per animali, ortofrutticoli, prodotti ittici, etc.).

Contenuti del SAB online – corso ex REC online – corso Somministrazione Alimenti e Bevande online

  • Riconoscimento merceologico ed etichettatura degli alimenti.
  • Manipolazione igienica e sicura degli alimenti.
  • Gestione sicura del luogo di lavoro. Prevenzione incendi ed adozione delle procedure antincendio.
  • Avviamento e gestione finanziaria, amministrativa e fiscale dell’esercizio commerciale.
  • Organizzazione e gestione operativa dell’esercizio commerciale.

Metodologia del corso SAB online

I contenuti del corso di Somministrazione Alimenti e Bevande (corso SAB online) sono erogati in modalità FAD (Formazione A Distanza, cioè Online). Il corsista, con propria user e password, si collegherà ad una piattaforma e-learning e visualizzerà i vari moduli didattici seguendo una predefinita propedeuticità. Potrà farlo senza limiti di tempo, vedendo e rivedendo i contenuti proposti; un apposito e visibile contatore, scalerà le reali ore di fruizione fino a diventare di color verde, consentendo così, di passare al modulo successivo. Si consiglia, anche per esercitarsi, di effettuare i test facoltativi.

Condizioni per la formazione del corso SAB online (corso ex REC, PIA)

Numero di Iscritti

  • Massimo 15 discenti per sessione.

Durata

  • 130 ore

Esami finali

L’esame finale del corso di somministrazione alimenti e bevande (corso SAB online) consta di un esame scritto (30 quesiti a risposta multipla; il discente, dovrà correttamente rispondere, a 21 domande) e un colloquio individuale, sulle materie oggetto del programma didattico. Il tutto, si svolgerà c/o la sede dell’Istituto, con la presenza fisica dei partecipanti, in un unico pomeriggio.

FAQ – Domande frequenti relative al corso SAB online (corso ex REC, PIA)

Cosa si intende per attività di somministrazione di alimenti e bevande?

Per somministrazione di alimenti e bevande si intende la vendita per il consumo sul posto, effettuata nei confronti di chiunque ne faccia richiesta oppure riservata a cerchie determinate di persone, che comprende tutti i casi in cui gli acquirenti consumano i prodotti in locali o superfici attrezzati a tal fine.

Dopo aver conseguito il requisito professionale di “Somministrazione alimenti e bevande”, è possibile aprire un’attività commerciale di vendita di prodotti alimentari?

In base alle disposizioni volute dal D. Lgs 59/2010 art. 71, l’esercizio, in qualsiasi forma, di un’attività di commercio relativa al settore merceologico alimentare e di un’attività di somministrazione di alimenti e bevande, anche se effettuate nei confronti di una cerchia determinata di persone, è consentito a chi è in possesso di uno dei seguenti requisiti professionali:
a) avere frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto dalle regioni o dalle province autonome di Trento e di Bolzano.

A chi occorre rivolgersi per aprire un esercizio di somministrazione di alimenti e bevande?

Per aprire un esercizio di somministrazione di alimenti e bevande occorre rivolgersi allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune ove si intende avviare l’attività.

Quale procedura è prevista per l’apertura di nuovi esercizi di somministrazione? È necessaria un’autorizzazione oppure è sufficiente presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)?

L’avvio di un’attività di somministrazione di alimenti e bevande è possibile mediante SCIA. Nelle zone eventualmente identificate dai Comuni come soggette a tutela, invece, l’attività può essere avviata solamente previo ottenimento di autorizzazione comunale. Per conoscere se la zona ove si intende avviare l’attività è o meno soggetta a tutela occorre rivolgersi al Comune.

Cosa si intende per corso PIA – Percorsi Integrati Assistiti

Il corso PIA (acronimo di Percorsi Integrati Assistiti), sempre ex REC, è un corso istituito dalla Regiole Lazio (legge regionale 18/11/1999 n. 33 e succ. mod. e legge regionale 29/11/2006 n. 21), per l’acquisizione di competenze valido ai fini dell’esercizio dell’attività di commercio nel settore merceologico alimentare e della somministrazione. Esso è equivalente ai fini legali al più conosciuto corso SAB.

Il subentro in un esercizio di somministrazione di alimenti e bevande a quale procedura è soggetto?

Il trasferimento di titolarità di un esercizio di somministrazione di alimenti e bevande per atto tra vivi o per causa di morte è soggetto a Segnalazione Certificata di Inizio Attività da presentarsi presso lo Sportello Unico Attività Produttive competente per territorio ed è subordinato all’effettivo trasferimento dell’attività ed al possesso dei requisiti prescritti da parte del subentrante.

Un corso di abilitazione all’attività di vendita e/o di somministrazione di prodotti alimentari svolto nella Regione Calabria, abilita anche in altre Regioni d’Italia?

Ai sensi del D. Lgs. 59/2010, articolo 71, il requisito professionale di Somministrazione Alimenti e Bevande è riconosciuto a chi abbia frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto da una qualunque Regione o Provincia autonoma. Il comune di presentazione dell’istanza o della SCIA verifica l’avvenuto riconoscimento del corso da parte della Regione indicata nell’attestato oltre che la veridicità dell’attestato stesso.

Un soggetto abilitato ad esercitare l’attività di somministrazione di alimenti e bevande in un paese dell’Unione Europea può essere considerato in possesso dei requisiti professionali per esercitare la medesima attività in Calabria?

Al fine di veder riconosciuto il titolo di abilitazione acquisito all’estero per l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande in Calabria occorre preventivamente ottenere il riconoscimento dello stesso presso il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE).
Una volta ottenuto il riconoscimento del titolo abilitante dal MISE potrà essere presentata l’istanza per l’esercizio dell’attività nel Comune ove si intende esercitare che, nell’ambito del procedimento istruttorio di competenza, verificherà la preesistenza del suddetto provvedimento di riconoscimento emanato dal MISE.

Il titolare di una ditta individuale deve necessariamente essere in possesso dei requisiti professionali per l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande o può nominare un preposto?

Anche il titolare della ditta individuale, laddove non in possesso dei requisiti professionali, può fruire dell’istituto della preposizione ai fini della dimostrazione dei requisiti prescritti come nel caso del legale rappresentante delle società. In ogni caso, però, la preposizione all’attività commerciale deve essere effettiva, con i conseguenti poteri e le connesse responsabilità, e non solo nominalistica e limitata strumentalmente alla fase di dimostrazione dei requisiti (così Ministero dello Sviluppo Economico con circolare n. 3656/C del 12 settembre 2012).

È necessario il possesso del requisito professionale per esercitare l’attività di somministrazione di alimenti e bevande in un circolo privato?

Il possesso di requisiti professionali è necessario solamente nel caso di attività di somministrazione aperta al pubblico e non invece quando l’attività è rivolta ad una cerchia determinata di persone come il caso dei circoli privati.

Cosa si intende per attività di somministrazione non assistita?

Per attività di somministrazione non assistita si intende l’attività di vendita per il consumo immediato sul posto dei prodotti di gastronomia presso gli esercizi di vicinato, o dei propri prodotti da parte dei titolari di panifici svolta utilizzando, nel rispetto delle vigenti norme igienico-sanitarie, i locali e gli arredi dell’azienda, escluso il servizio assistito di somministrazione.

Cosa occorre per seguire il corso SAB online?

È necessario soltanto un dispositivo elettronico che ti consenta di navigare in internet. Quindi un computer, un tablet o uno smartphone sono pienamente sufficienti per fruire dei contenuti del corso.

È possibile sostenere anche l’esame finale di certificazione SAB per via telematica (online)?

No, attualmente l’esame deve essere sostenuto obbligatoriamente di persona, in quanto in Italia non sono autorizzati corsi di formazione per la somministrazione di alimenti e bevande che comprendano anche l’esame per via telematica. Sono allo studio soluzioni software che consentano anche di sostenere l’esame finale garantendone la regolarità, ma al momento non sono disponibili per questa tipologia di corsi di formazione.

Il corso di Somministrazione Alimenti e Bevande svolto online ha la stessa validità di quelli effettuati da Docenti in aula?

Sì, il corso ha la stessa validità dei corsi svolti in aula ed è riconosciuto in tutte le regioni italiane.

Da chi è autorizzato il corso di Somministrazione Alimenti e Bevande (corso SAB online/ex REC)?

Il corso di Somministrazione Alimenti e Bevande online (corso SAB online) è autorizzato con Determina Dirigenziale dalla Provincia di Reggio Calabria (Settore 8 Formazione Professionale). L’esame avverrà in presenza di un Funzionario della Provincia, nelle vesti di Presidente e di due Docenti interni.

In cosa consiste l’esame finale di Somministrazione Alimenti e Bevande?

L’esame finale consta di un esame scritto e di colloquio individuale sulle materie oggetto del programma didattico.

Che attestato viene rilasciato?

Al superamento dell’esame finale verrà rilasciato il relativo attestato valido ai fini legali su tutto il territorio italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.